News

Archivio di 'News Patronato'

invio pratiche di PATRONATO on-line

Collabora con il Patronato CLAAI

Possibilità di raccogliere pratiche in materia di previdenza, sicurezza sociale, lavoro e molto altro e inviarle tramite un software on-line in collaborazione con PATRONATO CLAAI.

il servizio è stato realizzato per consentire ai professionisti/collaboratori  interessati di inviare comodamente dei loro studi una ampia gamma di pratiche,  previdenziali, assistenziali e infortunistica, e rendere disponibile l’aggiornamento dello status della pratica con la cronologia di tutte le fasi, dall’invio presso l’ente alla definizione della stessa con la relativa documentazione a corredo.

Dettaglio dei servizi di Patronato

 

Per usufruire del   servizio e per maggiori informazioni non esitare a contattare la sede provinciale di Caserta via Arena, 8 Loc. San Benedetto tel 0823216513 e 0823325636 o al l’indirizzo email patronatoclaai.caserta@gmail.com (riferimento Giuseppe Di Donato).

Inserito in: News Patronato, Senza categoria

Lascia un commento (0) →

CUD ai pensionati 2013

CUD ai pensionati 2013

 

In seguito alle recenti disposizioni legislative previste sia per la riduzione della spesa pubblica che per la telematizzazione dei rapporti tra la pubblica amministrazione ed i cittadini – si legge nella circolare INPS dello scorso 26 febbraio a firma del Direttore Generale Nori – a decorrere dal 2013, l’INPS rilascerà i suddetti certificati attraverso il canale telematico. E’ previsto che rimanga nella facoltà del cittadino richiedere la trasmissione del CUD in forma cartacea e che dall’attuazione dello stesso non debbano derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

come è noto  la modalità individuata per gestire il mancato invio dei CUD 2013 ai pensionati, riconoscendo un contributo solo alle Poste, è una soluzione molto criticabile visto che, ancora una volta, si scaricano sui cittadini oneri di semplificazione e taglio della burocrazia, con un occhio particolare solo ad alcuni soggetti.

la FepropeCLAAI,  con la collaborazione  del   CAF  e del Patronato CLAAI, è organizzata per assistere gratuitamente i cittadini per l’ottenimento della stampa del CUD.

la FepropeCLAAI, CAF e Patronato CLAAI, ancora una volta si mettono a disposizione del cittadino come intermediari per limitarne le criticità e le problematiche.

Inserito in: News, News CAF, News imprese, News Patronato, Senza categoria

Lascia un commento (0) →

Istanza giudice tutelare per Indennità di frequenza

Istanza giudice tutelare per Indennità di frequenza

 

L’inps, già da qualche mese,  per la riscossione dei ratei maturati sull’indennità di frequenza, ritiene obbligatorio, supportato dalla normativa vigente, produrre “Istanza al Giudice Tutelare”

Pertanto il patronato Claai in convenzione con lo studio legale Di Donato promuove la possibilità di adire l’autorità giudiziaria competente al fine di gestire la procedura relativa alla riscossione dei ratei maturati sull’indennità di frequenza.

A tal fine si rende necessaria la seguente documentazione:

1)  Originale procura firmata da entrambi i genitori;

2) Originale Stato di famiglia autenticato dal Comune di residenza;

3) Originale Lettera dell’Inps;

4) Copia carta d’identità dei ricorrenti.

5) Costi comprensivi di spese vive e compenso avvocato pari ad euro 100,00.

 

Certi di un Vostro riscontro si porgono cordiali saluti.

 

Caserta 30.10.2012

Inserito in: News Patronato, Senza categoria

Lascia un commento (0) →

Nuove procedure di trasmissione telematiche per specifiche istanze:

Nuove procedure di trasmissione telematiche per specifiche istanze:

1)aggiornamento posizione assicurativa (eco2)

nel sito www.INPS.it servizi online;  servizi per i patronati alla sezione “fascicolo”  dopo aver inserito la delega nell’apposita sezione  è possibile segnalare eventuali periodi di lavoro non presenti nella posizione assicurativa.

Posizione assicurativa

FaSe

2) certificazione periodi assicurativi (ecocert)

Nel sito www.inps.it servizi online;  servizi per i patronati nella sezione servizi;  pensioni online  è possibile inviare le istanze di certificazione dei periodi assicurativi.

Crea/compila domanda

Inserire il cod. fiscale del dichiarante e premere cerca

Nuova domanda

Inserire i campi nell’anagrafica

Prodotto: nuova domanda

GRUPPO

          007 Certificazione

SOTTOGRUPPO

          069 Estratto Conto Certificativo

  TIPO

            0001 Ordinario

PRODOTTO

 

3) riconoscimento benefici lavori faticosi e pesanti

Nel sito www.inps.it servizi online;  servizi per i patronati nella sezione servizi;  pensioni online  è possibile inviare le   istanze di certificazione dei periodi assicurativi.

Crea/compila domanda

Inserire il cod. fiscale del dichiarante e premere cerca

Nuova domanda

Inserire i campi nell’anagrafica

Prodotto: nuova domanda

GRUPPO

            007 Certificazione

SOTTOGRUPPO

            0063 Riconoscimento di beneficio

  TIPO

              0140 lavori faticosi e pesanti

PRODOTTO

stessa procedura con il programma off-line

la direzione

Inserito in: News Patronato

Lascia un commento (0) →

La procedura per i lavoratori c.d. “Salvaguardati”

La procedura per i lavoratori c.d. “Salvaguardati”

Alcune indicazioni

- l’istanza va presentata entro il 21 novembre 2012 (entro 120 giorni dalla data di pubblicazione del decreto interministeriale del 1° giugno 2012);

- L’elenco delle Commissioni per l’esame delle istanze;

- in caso di rifiuto, l’interessato potrà presentare istanza di riesame, presso la DTL competente, entro 30 giorni dalla data di ricevimento del provvedimento;

- Tipologie di lavoratori e criteri di salvaguardia ( Inps: messaggio n. 13343/2012):

per saperne di più

 

i modelli

modulo per l’istanza

dichiarazione sostitutiva di certificazione lett. E

dichiarazione sostitutiva di certificazione lett. F

dichiarazione sostitutiva di certificazione lett. G

dichiarazione sostitutiva di certificazione lett. H

documenti da allegare alla domanda

elenco indirizzi e-mail a cui inoltrare l’istanza

elenco delle commissione per l’esame delle istanze

 

circolare ministero del lavoro

circolare Ministero Lavoro e Politiche Sociali  19/2012

 

Inserito in: News Patronato

Lascia un commento (0) →

risposte alle domande più frequenti (FAQ) sulla procedura di emersione in corso

risposte alle domande più frequenti (FAQ) sulla procedura di emersione in corso

Il Ministero dell’Interno e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali hanno risposto alle domande più frequenti (FAQ) sulla procedura di emersione in corso.

Tra i punti chiariti nelle domande elaborate vi è anche quello relativo alla documentazione utile ai fini dell’attestazione della presenza del lavoratore straniero sul territorio nazionale alla data del 31 dicembre 2012. A titolo esemplificativo vengono infatti

indicati (domanda 43) come documenti utili ai fini della prova da fornire: il passaporto m

unito del timbro di ingresso apposto dalle autorità di frontiera nazionali, la documentazione proveniente dalle forze di polizia, il provvedimento di espulsione, la certificazione medica proveniente da struttura pubblica, il certificato di iscrizione scolastica dei figli del lavoratore.

 FAQ congiunte Ministeri Interno e Lavoro

Inserito in: News, News Immigrati, News imprese, News Patronato

Lascia un commento (0) →

Riconoscimento del diritto all’assegno per il nucleo familiare per gli iscritti alla Gestione separata

OGGETTO: Riconoscimento del diritto all’assegno per il nucleo familiare per gli iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335/95  per i periodi di congedo di maternità/paternità e dicongedo parentale coperti dalla contribuzione figurativa.
SOMMARIO: 1. Premessa2. Riconoscimento del diritto all’assegno per il nucleo familiare3. Principi per il calcolo dell’assegno per il nucleo familiare

1. Premessa

La Circolare n. 137 del 21 dicembre 2007 ha impartito disposizioni relative all’attuazione del D.M. 12 luglio 2007 (pubblicato sulla G.U. n. 247 del 23 ottobre 2007) emanato in attuazione dell’art.1, comma 791 della Legge 27-12-2006 n.296 (Legge finanziaria per il 2007) .

 Il citato decreto, nel prevedere l’estensione di alcune disposizioni del Decreto Legislativo n.151/2001 (Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternita’ e della paternita’) in favore delle lavoratrici a progetto e categorie assimilate nonché delle associate in partecipazione e delle libere professioniste iscritte alla Gestione separata di cui all’art.2, comma 26, della legge n.335/95, ha riconosciuto, tra l’altro, il diritto alla contribuzione figurativa per i periodi di astensione dal lavoro per i quali è corrisposta l’indennità di maternità ai fini del diritto alla pensione e della determinazione della relativa misura.

1. Riconoscimento del diritto all’assegno per il nucleo familiare per i periodi di congedo di maternità/paternità e di congedo parentale coperti da contribuzione figurativa

 In merito ai periodi di assenza  per maternità delle lavoratrici iscritte alla Gestione separata, che in virtù della normativa introdotta con l’art.6 del D.M. 12 luglio 2007 sono coperti da contribuzione figurativa, sono pervenuti quesiti a questa Direzione Centrale sulla sussistenza del diritto all’assegno per il nucleo familiare di cui alla Legge 13 maggio 1988, n.153.

 Considerato che il D.M. citato prevede l’accredito di contributi figurativi  ai fini del diritto alla pensione e della determinazione della misura della stessa ma non accenna ad un possibile utilizzo di detto accredito ai fini del diritto a prestazioni non pensionistiche,  è stata formulata una richiesta di parere al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per conoscere se la copertura figurativa, risultante dal computo dei periodi di astensione, possa legittimamente considerarsi utile, oltre che per il diritto e la misura della pensione, anche ai fini dell’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare.

 Il Ministero, preso atto che per l’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare agli iscritti alla Gestione separata è necessario che sia soddisfatto il requisito della specifica copertura contributiva, e tenuto altresì conto della rilevanza sociale della questione, ha ritenuto che, in caso di maternità, vada riconosciuto il beneficio dell’assegno per il nucleo familiare anche in relazione ai periodi per i quali vi sia stato il solo versamento della contribuzione figurativa.

 Pertanto, in presenza di tutti i requisiti previsti dalla normativa sull’assegno per il nucleo familiare e dalle disposizioni vigenti per la Gestione separata alle quali si  rinvia, per gli iscritti alla Gestione separata che non risultino iscritti ad altra forma previdenziale obbligatoria e non siano pensionati,  la copertura figurativa risultante dal computo dei periodi di congedo di  maternità/paternità è utile, oltre che per il diritto e la misura della pensione, anche ai fini dell’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare.

Si precisa che, ai fini della presente Circolare, il diritto all’assegno per il nucleo va riconosciuto in tutti i casi in cui vi è diritto alla copertura figurativa per maternità, sia che si tratti di  congedo di maternità (ordinario e/o anticipato o prorogato ed anche con riferimento alle ipotesi di adozione e affidamento di cui al D.lgs. n. 151/2001), sia che si tratti di congedo di paternità.

 Inoltre, in presenza di tutti i requisiti richiesti dalla normativa di settore, il diritto all’assegno va riconosciuto anche nelle ipotesi di contribuzione figurativa per congedo parentale.

 2. Principi per il calcolo all’assegno per il nucleo familiare

Ai sensi  dell’art.2, comma 29, della Legge 8 agosto 1995, n.335, per l’assolvimento dell’obbligo contributivo nella Gestione separata vige il principio di cassa.

 Il comma citato dispone infatti che “…hanno diritto all’accreditamento di tutti i contributi mensili relativi a ciascun anno solare cui si riferisce il versamento i soggetti che abbiano corrisposto un contributo di importo non inferiore a quello calcolato sul minimale di reddito stabilito dall’art.1, comma 3, della legge 2 agosto 1990, n.233 e successive modificazioni ed integrazioni. In caso di contribuzione annua inferiore a detto importo, i mesi di assicurazione da accreditare sono ridotti in proporzione alla somma versata. I contributi come sopra determinati sono attribuiti temporalmente dall’inizio dell’anno solare fino  a concorrenza  di dodici mesi nell’anno…”.

Con Circolare n. 64 del 13/05/2010 sono state impartite disposizioni in materia di accredito della contribuzione figurativain favore di alcune categorie di lavoratrici e lavoratori iscritti alla Gestione separata con riferimento ai casi di congedo di maternità e di paternità.

Con tale Circolare, è stato precisato, tra l’altro, che, per i casi per i quali è corrisposta l’indennità di maternità, ai fini della copertura figurativa, l’accredito della contribuzione avviene in relazione al noto “principio di cassa” di cui all’art.2, comma 29, della legge n.335/95.

Pertanto, per i periodi di congedo di cui alla presente Circolare, ai fini dell’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare ed ai fini della misura dello stesso, dovrà tenersi conto del fatto che l’accredito della contribuzione figurativa, in coerenza con le modalità di attribuzione della contribuzione tipiche della Gestione separata,  segue lo stesso criterio di cassa.

 Conseguentemente,  in presenza di tutti i requisiti richiesti dalla normativa di settore, in relazione ai periodi di congedo di maternità/paternità con copertura figurativa nonché di congedo parentale con medesima contribuzione, gli iscritti alla gestione separata avranno diritto all’assegno per il nucleo familiare solo per i periodi coperti da specifica contribuzione  effettiva e/o figurativa secondo le modalità di accredito sopra riportate.

 Si precisa infine che, in virtù del principio di cassa, salvo il caso di prima iscrizione, l’accredito dei contributi nella gestione separata decorre dal mese di gennaio anche quando i primi mesi dell’anno siano eventualmente già coperti da contribuzione presso un’altra gestione.

 Le Sedi procederanno al pagamento dell’assegno per il nucleo familiare, ove ne ricorrano i presupposti, per situazioni pregresse nei limiti della prescrizione quinquennale  e comunque non oltre la data  di entrata in vigore del citato Decreto del 2007.

 

Il Direttore Generale
Nori

Inserito in: News, News Patronato

Lascia un commento (0) →