News

Apre il registro del conto termico

Apre il registro del conto termico


Il conto alla rovescia è terminato. Da questa mattina, alle 9, apre la possibilità di iscrizione ai registri del conto termico, un passaggio necessario per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con sistemi dotati di pompa di calore o di generatori di calore alimentati a biomasse, con potenza termica nominale complessiva superiore a 500 kW e fino a 1 MW.

È un primo step sulla strada dell’attuazione dell’intera misura, che discende dal decreto dei ministeri dello Sviluppo economico e dell’Ambiente del 28 dicembre 2012, pubblicato sulla «Gazzetta ufficiale» del 2 gennaio 2013. L’intero conto termico, gestito dal Gse, mette infatti a disposizione un tesoro di 900 milioni annui (700 per i privati e il resto riservato alla Pa) per il sostegno economico dei piccoli interventi di miglioramento energetico degli immobili.

Per quanto riguarda le opere che devono passare attraverso l’iscrizione al registro, le risorse a disposizione sono di 7 milioni per la Pa e 23 per i privati: le domande dovranno essere trasmesse sul Portaltermico per via telematica e saranno aperte fino alle 21 del 1° agosto 2013.

Nelle prossime settimane, poi, per gli altri interventi, il Gse renderà disponibile l’applicazione informatica anche per la trasmissione delle richieste di prenotazione (riservate alla Pa) e per l’accesso diretto agli incentivi (Pa e privati). Ma vediamo come funziona l’intera misura, al di là del primo passo operativo.

Che cosa è incentivato

Gli interventi ammessi al contributo sono di due categorie. La prima, riservata all’uso della pubblica amministrazione, comprende azioni per incrementare l’efficienza energetica di edifici esistenti, come l’isolamento e la schermatura solare, la sostituzione di infissi o di vecchi impianti per la climatizzazione invernale con generatori a condensazione. La seconda categoria, aperta ai privati, guarda ai piccoli interventi di sostituzione di impianti obsoleti, sia per il riscaldamento, sia per la produzione di acqua calda sanitaria, con nuovi apparati alimentati da fonti rinnovabili o tramite sistemi ad alta efficienza.

Chi può fare domanda

Il sostegno è aperto sia alle amministrazioni pubbliche sia ai privati (persone fisiche, condomini o soggetti titolari di reddito d’impresa o agrario). Il decreto prevede che a inoltrare domanda e a stipulare il contratto con il Gse sia il soggetto responsabile, cioè colui che ha sostenuto le spese per l’efficientamento. Nel caso in cui i lavori siano stati eseguiti con il supporto di una Esco (Energy service company), è quest’ultima il soggetto responsabile.

L’ammontare degli incentivi

La somma annua a disposizione per il sostegno del conto termico è di 900 milioni. Di questi, 200 milioni sono destinati a coprire gli interventi di categoria 1 (Pa) mentre 700 milioni andranno a incentivare le azioni comprese nella categoria 2 (privati). Il rimborso sarà corrisposto fino all’esaurimento dei fondi. Nel caso della Pa, la copertura massima è fino al 40% delle spese sostenute, compresa diagnosi e certificazione energetica. L’incidenza del rimborso per i lavori effettuati da privati dipende dalla taglia del generatore installato, dall’efficienza in rapporto alla zona climatica in cui è inserito e da altri coefficienti.

Le differenze con il passato

A differenza di altri meccanismi, come la detrazione sull’imposta lorda del 50% e del 55% per chi ristruttura una casa esistente o per chi fa efficienza, il conto termico funziona in modo opposto. Non è infatti un recupero a posteriori, ma prevede un rimborso su conto corrente, da parte del Gse, di una parte delle spese sostenute, suddivisa in rate annuali costanti, da un minimo di due anni, fino a un massimo di cinque anni, a seconda del tipo di intervento.

Il meccanismo ricalca, in parte, quello del conto energia usato per il solare fotovoltaico, anche perché tende a premiare le soluzioni realmente produttive ed efficaci.

Cumulabilità

L’aiuto può essere assegnato solo a chi non accede ad altre forme di sostegno statale (salvo fondi di garanzia, fondi di rotazione o contributi in conto interesse). Per gli edifici a uso pubblico, però, il conto termico è cumulabile con incentivi in conto capitale.

 

Inserito in: News imprese

Lascia un Commento: (0) →

Lascia un Commento

You must be logged in to post a comment.